21 dicembre, 2015

CAGLIARI “CITTÀ METROPOLITANA” MENTRE LA SARDEGNA CORRE VERSO IL SUICIDIO DEMOGRAFICO: QUALI ALTERNATIVE? di Federico Francioni






Sommario: Premessa – La situazione internazionale - La sfida – L’economista Thomas Robert Malthus smentito dallo storico John Day – Alcune tappe della dinamica demografica sarda - La forza simbolico-politica dall’Utopia – Una nuova capitale della Sardegna nell’ambito di un progetto più vasto - Conclusioni. 

Premessa: si è discusso di “città metropolitana”, ma non della minaccia di “genocidio culturale” che incombe sulla Sardegna. Le polemiche su Cagliari e/o Sassari come città metropolitane, unitamente al dibattito in Consiglio regionale sulla “riforma” degli Enti locali,  hanno - in genere - ignorato, trascurato o non hanno posto adeguatamente in risalto l’estrema, tragica gravità del problema demografico: l’isola è uno dei territori del pianeta col tasso meno elevato di natalità. Lo ha notato, fra gli altri, David Kertzer, storico americano, studioso della famiglia in Italia, vincitore del prestigioso Premio Pulitzer, il quale si è interrogato, in particolare, sui modelli culturali che guidano i percorsi di vita e le decisioni delle donne in Sardegna. Ma già negli anni sessanta Antonio Simon Mossa, geniale architetto ed intellettuale poliedrico, affermò - non era esagerazione, slogan o “sparata” la sua - che su questa terra incombe la minaccia  di “genocidio culturale”.  Il rischio è che potrebbe essere la nostra comunità a contribuire, in modo decisivo, al proprio annientamento, alla scomparsa pressoché completa di una storia, di una lingua, di una cultura, di una civiltà. Ciò si potrà verificare grazie anche al secolare, decisivo, letale contributo di ceti dirigenti politici ed intellettuali profondamente estranei - dal punto di vista psicologico ed esistenziale, prima che politico-ideologico - a determinate tematiche.

10 agosto, 2015

LA SCIENZIATA E AMBIENTALISTA INDIANA VANDANA SHIVA IN SARDEGNA




Nei prossimi giorni, settimane, mesi, anni, potremo concretamente verificare se l’incontro con Vandana Shiva - avvenuto martedì 28 luglio presso il Nuraghe Losa di Abbasanta - potrà rappresentare per la Sardegna il momento e l’inizio di una svolta autentica sul piano socioculturale e politico. È davvero importante che sia così, che ognuno di noi si senta responsabilmente impegnato in questa direzione. L’iniziativa è stata promossa da Isde-Medici per l’ambiente ed in particolare dal medico radiologo Vincenzo Migaleddu, da anni in prima fila.

Sardegna come piccola Nigeria. Vandana proveniva da un faticoso viaggio in Nigeria: il Delta del Niger è un’area che è stata letteralmente massacrata dalle grandi società petrolifere, dalla Shell alla Texaco, oggi Chevron (si veda in proposito Buen vivir. Per una nuova democrazia della Terra, un ben documentato libro dell’economista ed ambientalista Giuseppe De Marzo). Queste compagnie non esitano ad armare le mani di sicari per eliminare gli oppositori. Fra i crimini dei colossi del petrolio occorre annoverare anche quelli dell’Eni che molti vorrebbero trattenere in Sardegna. La nostra isola, in fondo, è una “little Nigeria”, come ha sostenuto nella sua relazione la stessa Shiva.

Il saccheggio continua. Il sistema economico oggi dominante, ha affermato Vandana, si fonda, oggi più che mai, sul saccheggio delle risorse, sullo sfruttamento delle popolazioni, soprattutto del Terzo Mondo, sul degrado della natura. Viviamo in una dimensione post-coloniale, si può aggiungere a quanto detto dalla scienziata indiana, in cui si avvertono gli sviluppi e gli esiti del colonialismo storico. I conflitti militari per lo stretto controllo dei territori sono indispensabili per tale sistema, come le guerre in Somalia, Iraq e Libia dimostrano ampiamente. Per questo tipo di impero è essenziale inoltre avere a disposizione oligarchie politiche sempre più sottomesse e corrotte; i Parlamenti risultano subalterni a determinati disegni della banca, della finanza internazionale, delle corporation; ciò conduce all’impoverimento della democrazia, alla minaccia di svolte autoritarie, che non avvengono con modalità eclatanti, ma lentamente, giorno dopo giorno.
Nel secondo dopoguerra, con campagne di stampa più o meno mirate, con le visioni del mondo delineate sul piano massmediatico, col supporto di intellettuali asserviti, è stato imposto l’abbandono della terra, un urbanesimo sempre più alienante e portatore di degrado ambientale (si pensi, fra l’altro, ai dati che il già citato De Marzo e Federico Rampini hanno riportato su Città del Messico e sulle megalopoli cinesi). Allo stesso tempo l’agricoltura soggiace a nuove logiche; specifici esempi sono stati delineati dalla stessa Vandana: in California l’allevamento delle api - in cui è impegnata manodopera messicana ridotta ad uno stato pressoché schiavile - richiede il trasporto, da una parte all’altra del paese, degli insetti, minacciati di sterminio dall’uso massiccio dei pesticidi (si ricordi in proposito che lo stesso presidente Obama è stato costretto a lanciare un allarme sul futuro dell’apicoltura statunitense).

05 giugno, 2015

UN CONVEGNO SU INDIPENDENTISMO E SINISTRA NELLA GLOBALIZZAZIONE

 
 

Sabato 16 maggio si è svolto a Sassari, nella Sala “Angioy” del Palazzo della Provincia, un convegno sul tema “Indipendentismo e sinistra in un mondo globalizzato: quali prospettive per la Sardegna?”. L’iniziativa è stata promossa ed organizzata da IRS (Indipendèntzia Repùblica de Sardigna), FEM (Federació d’Entitats de la Mediterrania) e dall’associazione culturale “Governo provvisorio”. Nella sessione sul tema “L’indipendenza come processo democratico per una nuova Europa dei Popoli”, moderata dal politologo Carlo Pala, hanno svolto relazioni dense di passaggi analitici e di progettualità politica Lloyd Quinan, ex-deputato dello SNP (Scottish National Party), Jaume Fores, membro del Consiglio nazionale di ERC (Esquerra Republicana de Catalunya), Conxita Bosch, dell’esecutivo nazionale di SC (Solidaritat Catalana per la Independencia), Jean Guy Talamoni, portavoce del gruppo parlamentare di Corsica libera, Marta Spada, dell’esecutivo nazionale di IRS.  

Nella sessione dal titolo “Una nuova idea di sinistra. Diritti, sovranità e giustizia sociale. Esempi concreti di Grecia e Bolivia” - moderato da Nello Cardenia - sono stati relatori Georgios Davos (giornalista greco, rappresentante di Syriza) e José Raul Garcia Linera, analista politico boliviano e membro del Partito per il socialismo.

27 marzo, 2015

Ammentu in Tàtari de sos amigos Antoni e Salvo e presentatzione de su lìberu de Antoni Corsacata

ITE NOS ANT LASSADU ANTONI BULUGGIU E SALVO ZEDDA: 
DUOS AMIGOS CORALES
de Federicu Francioni



Interbentu in s’aboju Literadura e limba sarda, ammanigiadu dae “Sòtziu de sos sardos”, dae sa rivista “Camineras” e dae “Pro no irmentigare”: ant faeddadu Ninni Tedesco, Pàulu Mugoni e Antoni Arca, autore de su romanzu “Tilda de Reni atora”; leturas de Crara Farina; Tàtari, su 6 de freàrgiu de su 2015. In su dibàtidu ant faeddadu Domitilla Mannu e Màriu Zedda, babbu de Salvo.
           
Antoni. Non podimus cumprendere s’impignu de Antoni a foras de su disafiu de una generatzione impignada in sa pelea contra de su podere, contra de s’autoridade e s’autoritarismu, in s’iscola e in sa sotziedade, contra de sa gherra e pro su triunfu de sa paghe, pro s’autodeterminatzione de sos pòpulos de su gai cramadu Terzo Mondo (pensamus a s’influèntzia chi in Sardigna puru ant àpidu sos iscritos de Frantz Fanon). Dae sos annos sessanta e setanta est bessida puru a campu una cussèntzia tzivile noa, in unu sentidu natzionale sardu, de sos problemas de s’ìsula nostra. Antoni l’aiat maturada pròpriu in sa segunda meidade de sos annos sessanta, cando si fiat acurtziadu a Antoni Simon Mossa (1916-1971), intelletuale polièdricu, architetu geniale, cosmopolita e in su tempus matessi sardista e indipendentista, impignadu a ammanigiare unu moimentu a foras de su sardismu, naramus gai, ufitziale, traditzionale, pro sas minorias linguìsticas, pro s’autodeterminatzione de sas natzionalidades sena Istadu in Europa, pro arribbare a una cunfederatzione de issas.

A pustis de s’iscumpàrfida immadura de Simon Mossa, Antoni si fiat reconnotu in Su Pòpulu Sardu de Màriu Carboni e Elisabetta Bocciardo, Anghelu Caria, Austinu Columbanu, Diegu Corràine, Bustianu Cumpostu, Pitzente Migaleddu, Giuanne Frantziscu Pintore, Frantzisca (Cicci) Puliga, Sarvadore Sfodello, Bore Ventroni e meda àteros: unu moimentu nou, originale, chi cheriat ligare in manera istrinta sa pelea pro sa liberatzione econòmica, sotziale, polìtica, ispirituale de sa Natzione sarda a cudda de sos pòpulos de totu su mundu in una crae antimperialista e anticolonialista.

29 gennaio, 2015

LITERADURA E LIMBA SARDA Presentada de su romanzu de Antonio Corsarcata: Tilda de Reni Atora Bortadura in sardu de Antoni Buluggiu



Chenàbura ses de freàrgiu a sas ses de sero in s'Istitutu tècnicu industriale G.M. Angioy de Tàtari “Sòtziu de sos Sardos”, periòdicu Camineras e Sòtziu “Pro no ismentigare presentant su romanzu de Antoni Corsarcata “Tilda de Reni Atora”, bortadu in sardu dae Antoni Buluggiu. Nde faeddant Antoni Arca, coautore de su romanzu, e Pepe Corongiu, de su Coordinamentu sardu ufitziale, cun interventos de Federicu Francioni e Pàulu Mugoni, redatores de su periòdicu Camineras. Sa dibata at essere moderada dae Ninni Tedesco, diretora de su periòdicu matessi.
Su nùmene de s'autore, Antoni Corsarcata est una fintzione chi costoit un'idea noa in cantu su nùmene de s'autore est unu progetu leterariu chi ponet a pare Còrsica, Sardigna e Catalugna, invitende sos autores de sas tres realidades limbisticas a si aunire pro sa nàschida de iscritos originales; pro s'ocasione sunt istados cramados su corsicanu Ghjacumu Thiers, su sardu Antoni Arca e su cadalanu Jordi Buch Olivier. S'obera est “Quando so spenti i lumi” in sa versione corsa, “Tilda de Reni Atora in sa versione sarda e “Tilda de Reni Attrice” in sa versione italiana, sos ùrtimos duos publicados dae NOR de Ilartzi.